In questo sito utilizziamo i cookies per migliorare il sito stesso e la sua fruibilità. Alcuni cookies sono necessari per il funzionamento del sito web.
Utilizziamo alcuni cookies di terze parti per acquisire informazioni statistiche in formato anonimo al fine di migliorare il sito.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.
Puoi utilizzare le impostazioni del tuo browser se vuoi bloccare i cookies di questo sito.

Maillot jersey camiseta trikot maglia shirt psg aj auxerre psg shirt ligue 1 porté 62b511

Maillot jersey camiseta trikot maglia shirt psg aj auxerre  psg shirt ligue 1 porté 62b511Maillot jersey camiseta trikot maglia shirt psg aj auxerre  psg shirt ligue 1 porté 62b511Maillot jersey camiseta trikot maglia shirt psg aj auxerre  psg shirt ligue 1 porté 62b511Maillot jersey camiseta trikot maglia shirt psg aj auxerre  psg shirt ligue 1 porté 62b511

 

    Anche se allunga ancora qualche rabbiosa zampata, l'inverno sta per finire (anzi, astronomicamente è già finito), e la primavera batte alle porte. Con le gemme che sbocciano sugli alberi ancora spogli, ma per poco di Francesco Lamendola  

 

 

 

La Norvegia Calcio Camicia 2003 Home XL nuova con etichetta ~ FLO 9,

2005-2006 Palermo Calcio Camicia, casa, maglia, LOTTO, soccer jersey, XL, in buonissima condizione,

di

 

Francesco Lamendola

Articolo d’Archivio

 

 

Anche se allunga ancora qualche rabbiosa zampata, l'inverno sta per finire (anzi, astronomicamente è già finito), e la primavera batte alle porte.

Palermo, Bosko Jankovic, 2009-10, long sleeve, great jersey, L,

Con le gemme che sbocciano sugli alberi ancora spogli, ma per poco; con i cieli azzurri che erompono dalle nubi tempestose dei frequenti acquazzoni; con le distese di primule e non-ti-scordar-di-me che rallegrano, con le loro vivacissime macchie di colore, i pendii delle valli accarezzate dal sole.

È la vita che ritorna, che si rimette in movimento, che riprende a fluire nelle giunture anchilosate, nelle vene e nei vasi linfatici induriti, che scorre come un flusso gioioso e irresistibile dopo la lunga pausa dell'inverno. La natura si rinnova: e dalla stessa terra, dallo stesso tronco, dagli stessi rami della forsizia o del limone sbocciano i fiori, gialli per l'una, bianchi per l'altra; che poi scompariranno, lasciando però il posto a una chioma verdeggiante e vittoriosa.

 

Ma per il mondo degli umani, l'arrivo della primavera può essere solo un evento estrinseco. L'inverno delle delusioni, l'inverno del disincanto può gelare l'anima per sempre, consegnandola a un inverno perenne che solo in apparenza si risveglia alle piogge di marzo, ai venti gagliardi  d'aprile, allo splendore luminoso di maggio.

Per quanti di noi la primavera ha cessato di tornare nel profondo, di risvegliarci a nuova vita, di schiuderci la prospettiva di nuovi orizzonti? Per quanti di noi essa ha cessato di intonare il canti della gratitudine alla vita? Quanti esseri delusi, sconfitti, amareggiati si sono rinchiusi nella triste sicurezza di un inverno che non finirà, se non con la morte?

Una bella e triste canzone di Luigi Tenco (su un teso francese intitolato Les temps file ses jours; e, infatti, era stata scelta come sigla iniziale delle televisive Inchieste del commissario Maigret): recitava così:

 

"Un giorno dopo l'altro

il tempo se ne va

le strade sempre uguali

le stesse case.

La nave ha già lasciato il porto

e dalla riva sembra un punto lontano

qualcuno anche questa sera

torna sconfitto a casa piano piano.

Un giorno dopo l'altro

la vita se ne va

e la speranza ormai

é un'abitudine…"

 

Crediamo, senza esagerare, che la maggior parte degli esseri umani rientrino nella categoria degli sconfitti, che si lasciano vivere stancamente, per abitudine, non più sfiorati dal soffio di speranza che porta con sé la primavera del cuore.

Condizione: Usato :
Articolo che è stato indossato. Vedi l'inserzione del venditore per maggiori dettagli e la descrizione di eventuali imperfezioni.Vedi tutte le definizioni delle condizioni(la pagina si apre in una nuova finestra o scheda)
Note del venditore: bonne état good condition
Club: AJ Auxerre Numéro Maillot: 12
Type d'équipement: Maillot Couleur: Blanc
Type de maillot: Domicile Caractéristiques: Porté
Genre: Homme Longueur manches: Manches courtes
Taille: S

Non lasciamoci ingannare dalle apparenze, dalle grinte aggressive o dai languidi atteggiamenti seduttivi a tutto campo; anche quelli, non sono che modi di camuffare la propria sconfitta, la propria delusione e la propria amarezza.

Si può essere degli sconfitti senza esserne pienamente consapevoli; dei rassegnati che si credono ancora vitali, impegnati nella diuturna rincorsa del carpe diem; epicurei  dalle bandiere lacere e sbrindellate, che sono gli unici a non vedere ciò che a tutti gli altri è evidente: la disperazione che hanno nel cuore, l'abbrutimento mascherato da edonismo, la competitività esasperata per nascondere il fallimento più importante…

 

È vero, a tutti la vita infligge dolori e delusioni; a tutti lascia delle cicatrici, più o meno profonde, più o meno vistose. Certe cicatrici sono più in mostra di altre, ma non è detto che siano anche le più gravi. Le più gravi, sono quelle che non rimarginano mai; che continuano a sanguinare, anche dopo anni e anni; che tolgono ogni speranza di guarigione, di serenità, di pace.

Molti uomini e molte donne ne sono afflitti. In genere, si tratta di persone non più giovani; ma, a volte, anche i ventenni e perfino gli adolescenti ne portano i segni.

Però, se è vero che tutti, chi più chi meno, siamo passati al vaglio dalla vita, come lo è la farina, per separarla dalla crusca, sta di fatto che alcuni ne fanno occasione di crescita, di maturazione, di rinnovato amore e gratitudine per la vita, di una più ampia comprensione spirituale e di un costante  allargamento dei propri orizzonti, umani, culturali e intellettuali; mentre altri… Altri, ne restano segnati quasi solo in negativo: al punto che non osano più credere in niente, sperare in niente, mettersi in gioco per alcuna cosa.

Ecco, questi sono gli sconfitti della vita. Possono anche mascherare la loro sconfitta totale vestendo i panni dell'imprenditore di successo, del politico onnipotente o del tenace arrampicatore sociale dalle mille risorse: a stento riescono ad ingannare se stessi; quasi mai, la cerchia ristretta di chi sta loro intorno, di chi vive con loro, a cominciare dalle mogli (o mariti) e dai figli.

Chi non spera più nelle cose essenziali, talvolta si aggrappa alle piccole speranze delle cose caduche; chi non crede più nell'essenziale, si stordisce immergendosi in mille cose secondarie, al punto da non avere neanche quasi il tempo di mangiare e dormire. Sempre in movimento, sempre di corsa; da un luogo all'altro, da un interesse all'altro; da un amore all'altro, da un letto all'altro. Qualunque cosa, piuttosto che fermarsi a guardarsi dentro: e riconoscere la propria disperazione, la propria paralisi interiore, il terrore di dover soffrire ancora…

Già: perché tutto nasce proprio da questo: dalla paura di soffrire. Di aggiungere nuovo dolore a quello già patito

Eppure, non ci vuole un grande sforzo di riflessione per rendersi conto che, così facendo, ci si priva volontariamente di tutto ciò che rende la vita bella e desiderabile: il piacere della scoperta di terre nuove e cieli nuovi; l'ebbrezza di sentire nelle narici il soffio vigoroso del vento di primavera, che porta in dono il profumo di cose nuove e dolcissime.

Non vi è che un modo per rendere la propria vita ricca, piena e intensa: smetterla di fare mille cose, in modo nevrotico e compulsivo; e allargare l'orizzonte della propria coscienza, mediante un atto supremo di generosità, che consiste nell'andare incontro alla vita, con tutto ciò che essa ha offrirci: non escluse delusioni e sofferenze.

Gli orientali lo sanno da sempre: lo ying non può esistere senza lo yang; il calore, senza il freddo; la luce, senza l'oscurità; la salute, senza la malattia; la gioia, senza il dolore; la vita, senza la morte… E anche noi occidentali lo sapevamo, lo sapevamo da secoli e millenni; e poi, lo abbiamo dimenticato. Sono state le chimere della modernità a farcelo dimenticare: l'illusione dell'autosufficienza, l'orgoglio della ragione, il mito del progresso, i feticci della scienza e della tecnica…

Bisogna riconoscerlo: con tutta la nostra razionalità, con tutta la nostra scienza e la nostra tecnica, siamo oggi meno saggi di quanto lo erano i nostri nonni, che lavoravano la terra con amore e gratitudine e aspettavano dal Cielo il dono del sole e della pioggia, il dono della vita, il dono del domani. Dobbiamo ritrovare quella semplicità, dobbiamo riconquistare quella saggezza: spogliandoci di molte delle cose inutili che abbiamo scambiato per necessarie, anzi per indispensabili; di molte delle certezze che derivano solo dal nostro delirio di onnipotenza; di molta di quella zavorra che ci appesantisce e ci rallenta e ci fa perdere di vista l'essenziale…

Paris Saint-Germain PSG Home 2018/19 Home Official NEYMAR Jersey Brand Nuovo,

Ma che cosa è, l'essenziale?

Ecco: vestire i nostri occhi di uno sguardo nuovo, e riscoprire l'incanto del mondo. Riscoprire l'infinita bellezza, l'infinita bontà e l'infinita verità del mondo che ci avvolge, ci nutre e ci protegge, e verso il quale abbiamo disimparato a coltivare il benché minimo sentimento di stupore, amore e gratitudine.

La magnificenza è intorno a noi, come lo era quando, bambini, ne facevamo la prima scoperta; ma il nostro sguardo si è appannato, è divenuto torbido ed ingrato, amareggiato e rancoroso, oppure avido e calcolatore. In ogni caso, ha perduto la sua purezza.

Siamo diventati impuri, perché abbiamo chiuso cuore e mente alla bontà, alla verità e alla bellezza del tutto che ci avvolge. Una volta divenuti impuri, siamo divenuti anche infelici; e una volta  infelici, siamo divenuti pieni di segreta ostilità e di malevolenza appena dissimulata.

Siamo divenuti ossessi: posseduti dal male. Il male è la disperazione, il disconoscimento della bellezza, il no alla vita.

La paura della vita e del dolore è un "no" alla vita.

L'edonismo esasperato è un "no" alla vita.

La competitività senza limiti, la smania di arrivare, di primeggiare, di superare l'altro e, possibilmente, di umiliarlo, sono altrettanti "no" alla vita.

Credersi onnipotenti, trattare le cose e le persone come mezzi o strumenti per raggiungere i nostri fini egoistici, sono la forma suprema del male, il supremo "no" alla vita.

Perché accettare la vita, ringraziare la vita, dire di alla vita, significa accoglierla a trecentosessanta gradi, con tutto quello che essa ha offrirci: il sole e la pioggia, l'inverno e la primavera, la gioia e il dolore.

Significa riconoscere che nella vita vi è una saggezza molto superiore alla nostra, e sforzarsi di apprendere da essa, con umiltà e con spirito virile. Come facevano i nostri nonni, che guardavano il Cielo e attendevano, pregando, ciò che avrebbe mandato loro: quando il sole o la pioggia significavano abbondanza o carestia ed erano, quindi, questione di vita o di morte. Eppure, essi attendevano con fiducia; e, se le cose non andavano come avevano sperato, non imprecavano, non maledicevano e non si ribellavano. Continuavano a spezzare e benedire il (poco) pane che avevano sulla tavola, e a ringraziare la vita.

La vita dà, la vita toglie: non sta all'uomo decidere.

All'uomo è dato, invece, di porsi nella giusta disposizione di spirito verso le cose della vita, quelle buone e quelle meno buone. Di godere delle prime, senza ubriacarsene e senza perdere il senso della misura; e di imparare dalle secondo, cercando - se possibile - di diventare migliori, come la farina che viene separata, nel vaglio, dalla crusca.

Il segreto è tenersi pronti a partire, a lasciare tutto, a rinunciare a tutto: solo così si impara a godere di ogni cosa e si apprezzano anche le cose meno buone.

Abituarsi a lasciare le piccole cose, vuol dire abituarsi a lasciare quelle grandi; prepararsi a quella grande partenza che è l'ultimo viaggio della nostra vita terrena.

Come recita una poesia di Vincenzo Cardarelli (1887-1959), intitolata semplicemente Alla morte, della quale ci piace riportare i primi versi:

Maillot équipe de France porté match worn shirt 90's espoirs Rare modèle ext,Diadora Havana Training T-Shirt Uomo Bordeaux/bianca Football Soccer Tee Shirt,T-shirt Match Worn Football Dinamo Kiev FC Dynamo Kiev Jersey BORUSSIA Dortmund,MAGLIA CHELSEA 31 WEAH CALCIO FOOTBALL MAILLOT JERSEY TRIKOT SOCCER SHIRT,Bahrain 2010 Calcio Casa Maglietta,Arsenal 1999 - 2001 RARA VINTAGE AWAY Camicia Taglia L,PANTALONCINO/PANTA PUMA NAZIONALE ITALIANA FIGC ADULTO COLORE BLU EURO 2016 7474,Watford home vintage 90's football shirt soccer jersey maillot size 30/32, XS,Real Madrid Home Jersey 2017MAGLIA ORIGINALE MACRON SS LAZIO BLU MANICA CORTA NON REPLICHE!!!! Taglia XXL,1991-92 Fiorentina Maglia Home XL SHIRT MAILLOT TRIKOT,COMPLETO MAGLIA MILAN CUTRONE 63 UFFICIALE REPLICA 18-19 ADULTO BIMBO E PALLA,T-Shirt Calcio MANCHESTER UNITI D'AMERICA 1993-1994 Sharp Shirt Trikot MagliaBayern Monaco Ufficiale T Shirt Da Allenamento Maglietta Maglia Rosso Uomo,Swansea City Afc Ufficiale Joma Maglia Partite in Casa 2017-2018 Calcio Nuovo daNEW BAGGIO INTER 1998-1999 MAGLIA SHIRT CALCIO FOOTBALL MAILLOT JERSEY SOCCERMAGLIA PREMATCH ROSSA BAMBINO A.C. MILAN 2018/2019,LOMAS CLUB UNION HUARAL 2011 HOME PERU SOCCER JERSEY CAMISETA FUTBOL SHIRT Sz L,Maglia verona iunco legea nr 22 clerman,Maglia Jersey Inter Home 2009/2010 FINALE CHAMPIONS - MILITO ZANETTI STANKOVIC,Poland Ec 2012 autentico Core Polo Shirt Sport rosso - Size S,Liverpool Reebok Home Camicia 2000-2002 MEDIUM Uomo 1332,Majestic Nl East Division Campioni Washington 2012 T-Shirt Blu Scuro Medio,Maillot Laos 2016 Taille S 100 % Original Livraison et Flocage GRATUIT Jersey,Camiseta oficial casa Dumbarton FC 2017/2018 talla L,* BNWT * Cina LEAGUE 2018 SHANGHAI SHENHUA Vapor Camicia 9 Demba Ba Taglia XLCA BOCA JUNIORS 2005 XENTENARIO JERSEY - CENTENARY SHIRT - CAMISETA CENTENARIO,MAGLIA PERUGIA - 27 CERRI - INDOSSATA MATCH WORN VS NOVARA - SERIE B 2017/18Short de football équipe de France coupe du monde 2006 TFM-977,Manchester United 2006/07 CHAMPION LEAGUE maglietta adulti (S) 11 GIGGS,

 

"Morire sì,

non essere aggrediti dalla morte.

Morire persuasi

che un siffatto viaggio sia il migliore.

E in quell'ultimo istante essere allegri

come quando si contano i minuti

dell'orologio della stazione

e ognuno vale un secolo…

 

Come quando, aggiungiamo noi, il vento gagliardo di primavera ci porta il profumo di cose nuove...

 

Del 01 Settembre 2017

 

Già pubblicato su Arianna Editrice il 10/04/2008

 

Chelsea 1905 Football Felpa Con Cappuccio Nuova Taglie S-Xxxl Logo Ricamato,

 

Vento di primavera.pdf

Note legali - Privacy policy

Copyright © Accademia adriatica di filosofia "Nuova Italia" - 2019 All rights reserved. Custom Design by Youjoomla.com
YJSimpleGrid Joomla! Templates Framework official website
Poesia e Racconti