In questo sito utilizziamo i cookies per migliorare il sito stesso e la sua fruibilità. Alcuni cookies sono necessari per il funzionamento del sito web.
Utilizziamo alcuni cookies di terze parti per acquisire informazioni statistiche in formato anonimo al fine di migliorare il sito.
Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookies.
Puoi utilizzare le impostazioni del tuo browser se vuoi bloccare i cookies di questo sito.

K-Way Claude, Cappotto Bambino, Grigio (grigio Smoke 216), 116 116 116 (Taglia (k0T) ae2c27

K-Way Claude, Cappotto Bambino, Grigio (grigio Smoke 216), 116 116 116 (Taglia (k0T) ae2c27

 

    Anche se allunga ancora qualche rabbiosa zampata, l'inverno sta per finire (anzi, astronomicamente è già finito), e la primavera batte alle porte. Con le gemme che sbocciano sugli alberi ancora spogli, ma per poco di Francesco Lamendola  

 

 

 

Joules Stampato Raine Mezza Lunghezza Cappotto Giacca da donna-Blu Scuro Star tutte le taglie,

(TG. 50) CMP 3A40537N, Giacca Uomo, Nero/Lime, L, Nero/Lime, L (P8Y),

di

 

Francesco Lamendola

Articolo d’Archivio

 

 

Anche se allunga ancora qualche rabbiosa zampata, l'inverno sta per finire (anzi, astronomicamente è già finito), e la primavera batte alle porte.

50% OFF RETAIL La Sportiva Donna TX3 GTX SIZE 38 US 7 GORE-TEX Approach scarpe,

Con le gemme che sbocciano sugli alberi ancora spogli, ma per poco; con i cieli azzurri che erompono dalle nubi tempestose dei frequenti acquazzoni; con le distese di primule e non-ti-scordar-di-me che rallegrano, con le loro vivacissime macchie di colore, i pendii delle valli accarezzate dal sole.

È la vita che ritorna, che si rimette in movimento, che riprende a fluire nelle giunture anchilosate, nelle vene e nei vasi linfatici induriti, che scorre come un flusso gioioso e irresistibile dopo la lunga pausa dell'inverno. La natura si rinnova: e dalla stessa terra, dallo stesso tronco, dagli stessi rami della forsizia o del limone sbocciano i fiori, gialli per l'una, bianchi per l'altra; che poi scompariranno, lasciando però il posto a una chioma verdeggiante e vittoriosa.

 

Ma per il mondo degli umani, l'arrivo della primavera può essere solo un evento estrinseco. L'inverno delle delusioni, l'inverno del disincanto può gelare l'anima per sempre, consegnandola a un inverno perenne che solo in apparenza si risveglia alle piogge di marzo, ai venti gagliardi  d'aprile, allo splendore luminoso di maggio.

Per quanti di noi la primavera ha cessato di tornare nel profondo, di risvegliarci a nuova vita, di schiuderci la prospettiva di nuovi orizzonti? Per quanti di noi essa ha cessato di intonare il canti della gratitudine alla vita? Quanti esseri delusi, sconfitti, amareggiati si sono rinchiusi nella triste sicurezza di un inverno che non finirà, se non con la morte?

Una bella e triste canzone di Luigi Tenco (su un teso francese intitolato Les temps file ses jours; e, infatti, era stata scelta come sigla iniziale delle televisive Inchieste del commissario Maigret): recitava così:

 

"Un giorno dopo l'altro

il tempo se ne va

le strade sempre uguali

le stesse case.

La nave ha già lasciato il porto

e dalla riva sembra un punto lontano

qualcuno anche questa sera

torna sconfitto a casa piano piano.

Un giorno dopo l'altro

la vita se ne va

e la speranza ormai

é un'abitudine…"

 

Crediamo, senza esagerare, che la maggior parte degli esseri umani rientrino nella categoria degli sconfitti, che si lasciano vivere stancamente, per abitudine, non più sfiorati dal soffio di speranza che porta con sé la primavera del cuore.

Condizione:
Nuovo con etichette: Oggetto nuovo, non usato e non indossato, nella confezione originale (scatola o borsa) e/o con ... Maggiori informazionisulla condizione
Marca: K-way
Etichetta: K-Way MPN: K004BD0-216
Modello: K004BD0 ID: (k0T)
Part Number 2: K004BD0-216 Formato: Abbigliamento
Gruppo prodotto: Abbigliamento Taglia 1: 6Y
Publisher: K-Way Colore principale: Grigio (Grey Smoke 216)
Taglia 2: 116 (Taglia produttore:6 Anni) Dipartimento: Bambino
Studio: K-Way Lista EAN: 8054936283213
EAN: 8054936283213

Non lasciamoci ingannare dalle apparenze, dalle grinte aggressive o dai languidi atteggiamenti seduttivi a tutto campo; anche quelli, non sono che modi di camuffare la propria sconfitta, la propria delusione e la propria amarezza.

Si può essere degli sconfitti senza esserne pienamente consapevoli; dei rassegnati che si credono ancora vitali, impegnati nella diuturna rincorsa del carpe diem; epicurei  dalle bandiere lacere e sbrindellate, che sono gli unici a non vedere ciò che a tutti gli altri è evidente: la disperazione che hanno nel cuore, l'abbrutimento mascherato da edonismo, la competitività esasperata per nascondere il fallimento più importante…

 

È vero, a tutti la vita infligge dolori e delusioni; a tutti lascia delle cicatrici, più o meno profonde, più o meno vistose. Certe cicatrici sono più in mostra di altre, ma non è detto che siano anche le più gravi. Le più gravi, sono quelle che non rimarginano mai; che continuano a sanguinare, anche dopo anni e anni; che tolgono ogni speranza di guarigione, di serenità, di pace.

Molti uomini e molte donne ne sono afflitti. In genere, si tratta di persone non più giovani; ma, a volte, anche i ventenni e perfino gli adolescenti ne portano i segni.

Però, se è vero che tutti, chi più chi meno, siamo passati al vaglio dalla vita, come lo è la farina, per separarla dalla crusca, sta di fatto che alcuni ne fanno occasione di crescita, di maturazione, di rinnovato amore e gratitudine per la vita, di una più ampia comprensione spirituale e di un costante  allargamento dei propri orizzonti, umani, culturali e intellettuali; mentre altri… Altri, ne restano segnati quasi solo in negativo: al punto che non osano più credere in niente, sperare in niente, mettersi in gioco per alcuna cosa.

Ecco, questi sono gli sconfitti della vita. Possono anche mascherare la loro sconfitta totale vestendo i panni dell'imprenditore di successo, del politico onnipotente o del tenace arrampicatore sociale dalle mille risorse: a stento riescono ad ingannare se stessi; quasi mai, la cerchia ristretta di chi sta loro intorno, di chi vive con loro, a cominciare dalle mogli (o mariti) e dai figli.

Chi non spera più nelle cose essenziali, talvolta si aggrappa alle piccole speranze delle cose caduche; chi non crede più nell'essenziale, si stordisce immergendosi in mille cose secondarie, al punto da non avere neanche quasi il tempo di mangiare e dormire. Sempre in movimento, sempre di corsa; da un luogo all'altro, da un interesse all'altro; da un amore all'altro, da un letto all'altro. Qualunque cosa, piuttosto che fermarsi a guardarsi dentro: e riconoscere la propria disperazione, la propria paralisi interiore, il terrore di dover soffrire ancora…

Già: perché tutto nasce proprio da questo: dalla paura di soffrire. Di aggiungere nuovo dolore a quello già patito

Eppure, non ci vuole un grande sforzo di riflessione per rendersi conto che, così facendo, ci si priva volontariamente di tutto ciò che rende la vita bella e desiderabile: il piacere della scoperta di terre nuove e cieli nuovi; l'ebbrezza di sentire nelle narici il soffio vigoroso del vento di primavera, che porta in dono il profumo di cose nuove e dolcissime.

Non vi è che un modo per rendere la propria vita ricca, piena e intensa: smetterla di fare mille cose, in modo nevrotico e compulsivo; e allargare l'orizzonte della propria coscienza, mediante un atto supremo di generosità, che consiste nell'andare incontro alla vita, con tutto ciò che essa ha offrirci: non escluse delusioni e sofferenze.

Gli orientali lo sanno da sempre: lo ying non può esistere senza lo yang; il calore, senza il freddo; la luce, senza l'oscurità; la salute, senza la malattia; la gioia, senza il dolore; la vita, senza la morte… E anche noi occidentali lo sapevamo, lo sapevamo da secoli e millenni; e poi, lo abbiamo dimenticato. Sono state le chimere della modernità a farcelo dimenticare: l'illusione dell'autosufficienza, l'orgoglio della ragione, il mito del progresso, i feticci della scienza e della tecnica…

Bisogna riconoscerlo: con tutta la nostra razionalità, con tutta la nostra scienza e la nostra tecnica, siamo oggi meno saggi di quanto lo erano i nostri nonni, che lavoravano la terra con amore e gratitudine e aspettavano dal Cielo il dono del sole e della pioggia, il dono della vita, il dono del domani. Dobbiamo ritrovare quella semplicità, dobbiamo riconquistare quella saggezza: spogliandoci di molte delle cose inutili che abbiamo scambiato per necessarie, anzi per indispensabili; di molte delle certezze che derivano solo dal nostro delirio di onnipotenza; di molta di quella zavorra che ci appesantisce e ci rallenta e ci fa perdere di vista l'essenziale…

CMP 3Z31145D, Giacca Doppia Unisex Bambini, Turchese, 104, Turchese, 104 (C4W),

Ma che cosa è, l'essenziale?

Ecco: vestire i nostri occhi di uno sguardo nuovo, e riscoprire l'incanto del mondo. Riscoprire l'infinita bellezza, l'infinita bontà e l'infinita verità del mondo che ci avvolge, ci nutre e ci protegge, e verso il quale abbiamo disimparato a coltivare il benché minimo sentimento di stupore, amore e gratitudine.

La magnificenza è intorno a noi, come lo era quando, bambini, ne facevamo la prima scoperta; ma il nostro sguardo si è appannato, è divenuto torbido ed ingrato, amareggiato e rancoroso, oppure avido e calcolatore. In ogni caso, ha perduto la sua purezza.

Siamo diventati impuri, perché abbiamo chiuso cuore e mente alla bontà, alla verità e alla bellezza del tutto che ci avvolge. Una volta divenuti impuri, siamo divenuti anche infelici; e una volta  infelici, siamo divenuti pieni di segreta ostilità e di malevolenza appena dissimulata.

Siamo divenuti ossessi: posseduti dal male. Il male è la disperazione, il disconoscimento della bellezza, il no alla vita.

La paura della vita e del dolore è un "no" alla vita.

L'edonismo esasperato è un "no" alla vita.

La competitività senza limiti, la smania di arrivare, di primeggiare, di superare l'altro e, possibilmente, di umiliarlo, sono altrettanti "no" alla vita.

Credersi onnipotenti, trattare le cose e le persone come mezzi o strumenti per raggiungere i nostri fini egoistici, sono la forma suprema del male, il supremo "no" alla vita.

Perché accettare la vita, ringraziare la vita, dire di alla vita, significa accoglierla a trecentosessanta gradi, con tutto quello che essa ha offrirci: il sole e la pioggia, l'inverno e la primavera, la gioia e il dolore.

Significa riconoscere che nella vita vi è una saggezza molto superiore alla nostra, e sforzarsi di apprendere da essa, con umiltà e con spirito virile. Come facevano i nostri nonni, che guardavano il Cielo e attendevano, pregando, ciò che avrebbe mandato loro: quando il sole o la pioggia significavano abbondanza o carestia ed erano, quindi, questione di vita o di morte. Eppure, essi attendevano con fiducia; e, se le cose non andavano come avevano sperato, non imprecavano, non maledicevano e non si ribellavano. Continuavano a spezzare e benedire il (poco) pane che avevano sulla tavola, e a ringraziare la vita.

La vita dà, la vita toglie: non sta all'uomo decidere.

All'uomo è dato, invece, di porsi nella giusta disposizione di spirito verso le cose della vita, quelle buone e quelle meno buone. Di godere delle prime, senza ubriacarsene e senza perdere il senso della misura; e di imparare dalle secondo, cercando - se possibile - di diventare migliori, come la farina che viene separata, nel vaglio, dalla crusca.

Il segreto è tenersi pronti a partire, a lasciare tutto, a rinunciare a tutto: solo così si impara a godere di ogni cosa e si apprezzano anche le cose meno buone.

Abituarsi a lasciare le piccole cose, vuol dire abituarsi a lasciare quelle grandi; prepararsi a quella grande partenza che è l'ultimo viaggio della nostra vita terrena.

Come recita una poesia di Vincenzo Cardarelli (1887-1959), intitolata semplicemente Alla morte, della quale ci piace riportare i primi versi:

Salewa Protection GTX L Ghetta, Nero (0900), Taglia Unica,High Colorado Eiger High-Tex Vibram in Pelle Uomo Outdoor Scarpe Hiking TrekkingUltrasport Advanced Giacca softshell Tina da donna, giacca funzionale da (B3c),Columbia Pouring Adventure, Giacca Donna, Soft Violet, L (K2n)Donna Seaport Waterproof Hiking / Trail Stivali Size 8 Fit Like 7 Nuovo,Fjällräven Nils - Pantaloni da Uomo, Uomo, Hose Nils, Grigio, 48 (M0W),Killtec Mark, Giacca A 2 Strati E 1/2 con Cappuccio Uomo, Arancione (I8e),Killtec Uomo Akito Outdoor Giacca, Uomo, Akito, Arancione Scuro, 4XL (N9B),Berghaus Expeditor AQ Ridge, Scarpe da Escursionismo Uomo - NUOVO,Merrell Moab FST MID GORE-TEX linea Donna Stivali Da Passeggio-Marrone,(TG. XXL) Twentyfour Svalbard - Giacca in maglia e pile da uomo, Blu (C8g),Berghaus - Fellmaster Gtx, Scarpe Da Trekking da uomo, Marrone (Braun (F5u),Columbia Giacca, Heather Canyon, Donna, Grigio (grigio Ash Heather), L, (o3w),Prana cantine dress, vestito Elastico per Donna, svoltare PInstitute Marrakesh(TG. 62) CMP – Giacca da Corsa Giacca Nero-Antracite 62 (c7y),(TG. 54) CMP 3A74427N, Giacca Uomo, Nero/Azzurro, 54, Nero/Azzurro, 54 (W3j),CMP, giacca da donna Softshell, Nero Mel. - Apple, 42, 3A22226M, (T6W),Marmot Tranquility Softshell Hoody Cappotto Foderato Nero Donna S NUOVO UVP,Columbia Arcadia, Giacca Bambine e Ragazze, Rosa (Punch rosa), XS (M5S),SALEWA Puez Melange W FZ Felpa da Donna, in Poliestere, Donna, (t8E)SALOMON ranger jkt w giacca softshell donna [403674] deep lagoonMerrell Moab Edge Scarpe da Escursionismo Uomo, Blu (Poseidon), 44 1/2 EU (E7L)Fjällräven Karl PRO Trouser Pantaloni Lunghi, Uomo, Karl PRO Trouser, (h0R),Maier sports, Torid Slim Pantaloni da Trekking, Uomo, 132009, Grigio (m6T),HELIKON TEX TROOPER leggero outdoor guscio morbido GIACCA COYOTE MEDIO M,Columbia Scarpe Multisport da Donna, Impermeabili, VENTRAILIA 3 MID, Nero (S2d),Lowa Nabucco GORE-TEX WS MARRONE Donna Da EscursionismoKEEN Targhee III Mid WP, Stivali da Escursionismo Alti Donna, Bianco (V5o),CMP HEKA, da Uomo Low Scarpe trekking e passeggio Marrone (Bronzo R720) 10.5 UK,MEINDL Caracas Lady GTX anthrazi caccia/Wanderschuh IDProdotto. 3878 31,

 

"Morire sì,

non essere aggrediti dalla morte.

Morire persuasi

che un siffatto viaggio sia il migliore.

E in quell'ultimo istante essere allegri

come quando si contano i minuti

dell'orologio della stazione

e ognuno vale un secolo…

 

Come quando, aggiungiamo noi, il vento gagliardo di primavera ci porta il profumo di cose nuove...

 

Del 01 Settembre 2017

 

Già pubblicato su Arianna Editrice il 10/04/2008

 

(TG. L) Craghoppers Kiwi Long Interactive Giacca, Uomo, Kiwi Long (p3d),

 

Vento di primavera.pdf

Note legali - Privacy policy

Copyright © Accademia adriatica di filosofia "Nuova Italia" - 2019 All rights reserved. Custom Design by Youjoomla.com
YJSimpleGrid Joomla! Templates Framework official website
Poesia e Racconti